martedì 23 novembre 2010

LA BRUTTA FINE DEL TONNO ROSSO

L’anno scorso, era stato preso in considerazione 1 divieto sul commercio internazionale di pesce, dalla CITES (Convention on International Trade in Endangered Species of Wild Fauna and Flora) x le specie selvagge di flora & fauna in pericolo d'extinzione, ma ecco ke la pressione dal maledetto Giappone, ke è il consumatore di tonno rosso + importante al Mondo, ha impedito ke il divieto diventasse operativo ed ora, ke la stessa cosa si stà ripetendo incredibilmente persino quà, dovrei dire maledetta  Europa !
Eh già, xkè adesso la pressione proveniente da alcuni Paesi come Francia, Spagna & altre nazioni del Mediterraneo, ha spinto la Commissione Europea ad ABBANDONARE addirittura, i piani x ridurre notevolmente le quote di pesca annue di tonno rosso !
Eppure parrebbe impossibile ke le autorità stìano dalla parte exclusivamente di pescatori & interessi economici, essendo questa 1 delle specie ittike + a riskio d'extinzione, alla stregua di orsi polari o panda & sebbene l’Unione-Europea stia ancora valutando la riduzione della pesca di 2.000 t. sulle quote attuali & nonostante le proteste degli attivisti & gli studi degli scenziati, ke ritengono URGENTE la cessazione definitiva delle attività di pesca, altrimenti ai ritmi attuali, dove i numeri REALI sui livelli di cattura son di gran lunga SUPERIORI a quelli ufficiali x colpa della sregolatezza, della sovrapesca su vasta scala delle industrie del pesce col sonar localizzatore, principalmente dei maledetti gialli, oltre a quelle europee & americane, senza contare la pesca di frodo, ke aggrava di molto la situazione & i pescatori sportivi, l'inquinamento, come quello recente di petrolio nel Golfo del Mexico, ke ha massacrato le sue uova riproduttive, il cambio climatico, ecc...
il tonno rosso potrebbe riskiare l’extinzione già entro il 2012 !  
E sebbene i tonni sian prede di grandi squali & di grandi cetacei, il + grande predatore & loro peggior nemico, resta sempre l'uomo ed è fondamentale, ke ci si convinca 1 volta x tutte, ke "non c'è sushi x tutti" (Report-Rai3, aggiornamento al 16/11), tanto ke le taglie del pescato si son dimezzate e se non ci fermiamo in tempo & non incentiviamo altri tipi di pesca + sostenibili, con l'impoverimento senza tregua dei mari andiamo incontro all'inesorabile disastro ecologico & economico, lasciando anke centinaia di pescatori disoccupati !
Bruxelles ha sempre sostenuto il ruolo decisionale centrale UE e le sue scelte hanno ora il DOVERE di guardare al DOMANI, x permettere alle generazioni future di poter ancora godere di questa, come di tante altre specie a riskio, oppure l'irrefrenabile ingordìgia di OGGI le sterminerà, lasciandogli solo fotografie & racconti ?!
Pensiamo ke tra 2 anni, potremmo non avere + nulla da pescare ed il divieto a quel punto, ce l'avranno forzatamente imposto la nostra stessa avidità & la nostra stra-maledetta incoscienza !!!
Green Blog - tonno rosso
Tonno rosso - Wikipedia
Eco-blog - Italia indisciplinata sul tonno rosso
Tonno rosso al collasso
Legge sulla pesca del tonno
Risorse comuni - "The Tragedy of the Commons"
Sul fronte pesca, AgireOra ha deciso di sostenere l'Associazione Sea Shepherd, ke si occupa della difesa degli animali marini, x far conoscere le sue attività anke in Italia !

7 commenti:

  1. Finché l'uomo non avrà distrutto tutto l'ecosistema a quanto pare non sarà contento. Verrà sempre per primo l'arrivismo, il guadagno, il commercio anche se sbagliato perché rischia di far sparire speci di animali che non riescono a riprodursi. Di questo passo la terra diventerà una grande distesa arida e pestilenziale...
    Ciao, Pat

    RispondiElimina
  2. Ciao Fiore, ecco non c’è pace nel mondo degli animali, l’uomo e davvero senza coscienza continua a distruggere la natura e i suoi fratelli gli animali.. ma a cosa serve??? La natura ci da cosi tanto da mangiare credo noi tutti dobbiamo svegliarsi e appellare alla nostra coscienza (se ne abbiamo ancora una).. Rebecca

    Quando l'ultima fiamma sarà spenta,
    l'ultimo fiume avvelenato,
    l'ultimo pesce catturato,
    allora capirete che non si può mangiare denaro.
    (Toro Seduto)

    RispondiElimina
  3. Ciao, purtroppo se non si cambiano le regole del gioco, evitando il minacciare futuri veti, se si fa passare una determinata legge, non si giungerà mai ad una seria politica comunitaria.
    Gli interessi economici sono un passepartout che aprono tantissime porte, e questo è una cosa dura da morire, a meno di una larghissima presa di coscienza popolare, direi quasi a livello mondiale o quanto meno, per quello che ci riguarda più da vicino, europa.
    Ti auguro una buona giornata, con amicizia, Vito

    RispondiElimina
  4. Sai Vito, è assolutamente necessario, x arrivare a leggi + severe e farle rispettare, ke la presa di coscienza sia MONDIALE e sia quanto prima, prima ke sia troppo tardi, xkè allora poi sarebbero inutili e purtroppo non manca + molto tempo ke ci arriveremo senz'altro continuando così, questo è certo !!!

    RispondiElimina
  5. Siamo una schifosa razza di masochisti che gode nel vedere l'orizzonte della propria estinzione. Mentre leggevo il tuo articolo, è venuta anche a me in testa la stessa frase di Rebecca :(

    RispondiElimina
  6. Ciao Fiore dovresti leggere il mio blog di oggi lascio qui il link.. http://pif64rebecca.wordpress.com/2010/11/25/i-cavalli-irlandesi/
    la lotta non ha mai una fine..

    RispondiElimina
  7. Fiorellina mia eccomiiiiiiiiiiiiiii.... come non sai dove sono?
    Sono in WordPress!
    http://iomilu.wordpress.com/
    se ti va vienimi a trovare cara!
    Incredibile questa storia del tonno rosso! Poveri noi quante malvagità gratuite operiamo noi umani!
    Un bacio piccolaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!
    Carmen B.

    RispondiElimina